Quali sono le paure più comuni quando si deve affrontare un pubblico?

Eccole!

  • Paura del dubbio

Ogni dubbio che proverete si manifesterà nel discorso. E quando dubitate di voi stessi, lo farà anche chi vi ascolta. Non lasciate che si manifesti. Invece, costruite la fiducia che può sconfiggere il dubbio e assicuratevi di sapere di cosa state parlando. Più sai quello che stai dicendo,meno probabilità ci sono che tu abbia torto.

  • Paura del nervosismo

Se avete paura che la vostra voce inizierà a tremare o inizierete a balbettare, dovete domare quella bestia nervosa con la preparazione. Provate il discorso ad alta voce e frequentemente. Più vi esercitate, più sarete abituati a parlare. 

  • Paura di dimenticare

“E un altro aspetto che volevo affrontare è……uh….quindi….”.Vuoto. Ci siamo passati tutti. Abbiamo vissuto tutti quel momento di silenzio imbarazzante quando si dimentica quello che si sta per dire. Anche in questo caso, un modo per evitarlo è quello di provare frequentemente. Ricordate quale punto segue e memorizzate uno schema di base per il vostro discorso.Esercitatevi a far scorrere un concetto nell’altro, ma non siate troppo rigidi altrimenti appena vi scorderete un passaggio dimenticherete tutto. Dividete il discorso in blocchi per evitare il vuoto di memoria.

  • Paura della tecnologia

Non si può sempre contare sulla tecnologia. E niente può gettarvi nella disperazione malfunzionamento in un PowerPoint o di un proiettore.Arrivate presto nella location e testate la vostra presentazione prima dell’inizio. Testate la presentazione in anticipo e siamo sempre pronti ad un piano B.

  • Paura di un pubblico difficile

Il pubblico può essere buono e collaborativo, oppure l’opposto: siate preparate a entrambi le evenienze. Non potete controllare come si comporta il pubblico, ma potere controllare le vostre emozioni.

Sviluppate una bella “faccia tosta”e andate sempre avanti.  Se una battuta non viene colta, poco male, non lasciate che un piccolo errore rovini il resto della vostra presentazione.

  • Paura del tempo

“Tempo scaduto!” E ora? Non avete nemmeno finito il tuo discorso. Assicuratevi che questo non accada e concedetevi un po’ di spazio di manovra. Provate questo: se avete in programma di parlare per 45 minuti, datevi il tempo per finire 5 minuti in anticipo per lasciare spazio a eventuali.

  • Paura dell’inaspettato

L’inevitabile paura che qualcosa vada storto, e a volte accade. Gli scenari possono includere una domanda di una persona del pubblico a cui non sappiamo rispondere o reazioni negative da parte del pubblico.

Abbiate un piano B di per affrontare tutti i punti che abbiamo visto sino ad ora.

Ricordiamoci che le paure sono nella nostra testa e questa non è fuori controllo: non  lasciate che i timori vi impediscano di fare un grande discorso e di condividere idee.